Decidete voi, Giudici! «Non faccio arringhe, abbiamo già vinto»

Eccezionale difesa al processo contro i coniugi Camparini rinviati a giudizio per aver RAPITO la loro figlia da una di quelle orribili case famiglia dove ormai troppo spesso e spesso senza giustificati motivi, vengono rinchiusi i bambini.

Di fronte a certa “giustizia” non ha senso “negoziare” .

Di seguito l’articolo così come è apparso sull’edizione del 24 febbraio 2011 de “Il Tirreno”

«Non faccio arringhe, abbiamo già vinto»

MASSA. Si è rimesso alla decisione del collegio l’avvocato di Massimiliano Camparini e Gilda Fontana, non ha chiesto né assoluzione né attenuanti.

Francesco Miraglia (nella foto) però ha usato una strategia che non è valsa l’assoluzione dei due imputati, ma che ha sollevato parecchi dubbi su questo episodio:

«Potevo studiarmi delle sentenze che dicevano che in caso di figli non si può parlare di sequestro ma di sottrazione di minore, potevo portare mille scusanti ma non lo faccio.

Non lo faccio perché con questo processo ho già ottenuto il mio scopo, far capire ai giudici e a chi ha assistito alle udienze che Massimiliano e Gilda erano disperati perché sentivano che si stava materializzando un’ingiustizia».

Miraglia è andato oltre:

«Si è capito, grazie a questo processo che Anna Giulia ha una mamma e un papà e questo è un aspetto positivo, ma l’aspetto negativo è che questa vicenda dimostra come la giustizia possa rovinare le esistenze delle persone.

In questo caso ha rovinato la vita a due genitori e a una bambina che ha 5 anni e che tra qualche mese andrà a scuola senza sapere ancora quale sarà la sua famiglia.

Decidete voi giudici se a sequestrare Anna Giulia per dieci giorni siano stati la mamma e il papà o se è stata la giustizia a sequestrarla per tre anni».

 

http://iltirreno.gelocal.it/massa/cronaca/2011/02/24/news/non-faccio-arringhe-abbiamo-gia-vinto-3528269

 

Gli Eroi Perversi di una cultura senza Padre e senza Eroi

utoya-terrorismo-300x200La strage compiuta in Norvegia dal giovane -o quasi giovane (meglio precisarlo, dato che ormai si è giovani anche a cinquantacinque anni)- Anders Breivik, trentaduenne esaltato e psicopatico, lascia attoniti e sconvolti per una quantità impressionante di motivi.

In primo luogo, per le dimensioni del massacro: settantasei morti, cadavere più, cadavere meno.

In secondo luogo, per la terribile determinazione con cui il massacratore ha agito: inseguendo uno per uno quei poveri ragazzi, e sterminandoli anche se imploravano pietà. Sembra che solo uno è riuscito a salvarsi, implorandolo pervicacemente: ma non si sa bene se Anders lo ha accontentato o, solamente, si è distratto cercando altre prede.

In terzo luogo, perché tutto questo è avvenuto nella civilissima e ricchissima Norvegia, paese nel quale lo stato assiste i propri cittadini dalla nascita alla morte con una solerzia e una capacità degna della miglior socialdemocrazia nordeuropea possibile, creando attorno a ciascuno un mondo di certezze, e garanzie, soavemente diffuse, nitide e rispettanti, nel quale tutto ci si può aspettare, ma non che un trentaduenne biondo, occhi chiari e sguardo da spot pubblicitario per crociere nei fiordi e salmoni appena pescati, imbracci il mitra e invece che a portarti a prendere il numero dell’assistenza sociale, massacri decine e decine di persone, sicuramente con la stessa scrupolosità con cui qualche suo coetaneo elenca ai nuovi residenti a cosa hanno diritto insieme alla residenza in Norvegia.

Altro punto ancora di stupore, è nel fatto che la Polizia locale -grazie appunto alla civilissima società di cui è nitida espressione- era del tutto impreparata a gestire tragedie simili, col risultato che il biondino ha scorrazzato su e giù per il teatro del suo scempio, come e quanto ha voluto.

Nel frattempo, solo alcune barchette a remi, trainate da semplici turisti o cittadini, cercavano di mettere in salvo chi potevano, e così, invece che aringhe e merluzzi, pescavano sopravvissuti adolescenti, e tremanti, e angosce terribili, e terribilmente annidate in quei fondi freddi e silenziosi che sanno di creature di mondi altri e primordiali.

Infine, ma non sappiamo se l’elenco deve davvero chiudersi qui e se i luoghi dello stupefarsi siano davvero esauriti, l’altro motivo di stupore è nello scoprire che tutto era premeditato da anni, ma anche che era tutto sotto gli occhi di tutti: e dunque che tutto quanto si potesse -e si dovesse- sapere per prevedere e impedire l’accaduto, era sotto gli occhi di tutti, ben postato e ben impostato su Internet.

Il che implica che tutti questi contenuti sono stati, evidentemente, considerati “normali” da tutti. Normali, però, forse solo perché normalmente etichettabili: con l’etichetta di “roba di estrema destra”. Roba di intolleranza, dunque, di fanatismo: roba da non prendere in considerazione.

Il che implica, ovviamente (o meglio: se ci si ragiona) che l’etichettatura politica ha avuto la grande funzione di far ignorare la violenza che covava nel “messaggio”.

A strage fatta, molte voci si sono levate.

C’è chi ha cercato la trama oscura, e il complice del folle – complice che magari c’è davvero, ma non crediamo sia così importante scoprirlo, se non ai fini di giustizia del caso singolo e forse di qualche possibile clone del biondino; c’è poi chi ha puntato il dito sulla idiozia del male in quanto agito politico; c’è chi ha esecrato e maledetto il razzismo del gesto e la matrice ideologica di destra, c’è chi ha detto che la colpa è dell’Islam, e chi, invece, che “Gridare invece al complotto neonazista alimenta la guerra contro il nuovo mostro interno che inquieta l’Europa.” (Pierluigi Battista, sul Corsera).

C’è poi chi ha sostenuto che “in un primo tempo quando la pista islamica sembrava avvalorata, tutti ci sentivamo come rincuorati” come ha detto Magdi Cristiano Allam, che parla di “razzisti nati dal multiculturalismo” e conclude che “Se vogliamo sconfiggere questo razzismo dobbiamo porre fine al multiculturalismo.”.

C‘è poi chi, come un capo carismatico qual fu Adriano Sofri (e che forse ai suoi tempi non si negava all’applauso per le sue gesta “contro”), ha detto (curiosamente? O transferalmente?) che “Breivik, autore di una premeditazione delle più lunghe e ripugnanti – vivere anni nell’aspettativa e nella preparazione scrupolosa di una strage di innocenti – ha preteso di allestire anche l’interpretazione autentica di sé e del proprio gesto, con la firma d’autore. Di indurre gli altri, le persone “normali” attonite al punto di cercare una spiegazione a ciò cui non deve andare che orrore e disprezzo, a cercarla nell’esegesi dei suoi scritti preventivi, e dei discorsi che ancora si dispone a fare, dal momento che ha voluto uscire vivo dal suo gran giorno.

Ci sembra però che da tutto questo -da questa tragedia orribile e dai relativi commenti- esali un paradosso, terribile e agghiacciante nella mia lettura, per la quale tutti questi commenti fanno in qualche modo parte del problema.

Tutti i commenti letti danno per scontato che quello del biondino sia stato un atto di follia, ma nessuno – però – va poi a tentare una lettura veramente psichiatrica, e psicologica, di questa follia.

E’ paradossale, insomma, dare dal matto ad uno che -ad esempio- si creda Napoleone, e poi discuterne politicamente il suo voler conquistare l’Europa.

Questa si chiama, in linguaggio psichiatrico e psicoterapico, collusione con il malato.

Tutti quelli che si stanno occupando della tragedia norvegese, stanno però puntando la propria attenzione esclusivamente sulla dimensione “ideologica” del crimine, su quella “politica” e/o su quella sociologica, e nessuno, invece, si apre a una riflessione psichiatrica e psicologica su questo “ragazzo”, sui suoi “agiti”, sulle profondità da cui emergono.

La psicopatia di Breivik viene liquidata da tutti come follia, come ovvio.

Ma -insomma!- questa follia viene poi paradossalmente analizzata come se fosse una valida idea politica o il valido dispiegarsi di ideologie che, per quanto folli, devono esser discusse nelle loro radici sociologiche e politiche. Attraverso mondi lontanissimi dunque -e alieni, si potrebbe proprio dire- dalla follia.

Il che implica allora che -con la “scusa” dell’analisi socio-politica- si sta continuando a coprire qualcosa di pericoloso.

Nessuno -e a mio avviso questo è per l’appunto estremamente significativo- affronta cioè il problema dal suo versante più naturale: quello psichiatrico, cui può seguire lo sguardo -forse più angosciante- legato alla lettura con la lente della psicologia del profondo.

A mio avviso, dunque, c’è la tendenza a rimuovere una lettura psicologica profonda di questo e degli altri eventi simili, che negli ultimi anni sono sicuramente aumentati.

Perché secondo me, il punto da cui iniziare la vivisezione di questa tragedia, è un altro. Più inquietante della rassicurante spiegazione-esecrazione politico-ideologica.

Stupisce, insomma, che nessuno prenda in considerazione quale possa essere la matrice psichica di una follia del genere, soprattutto considerando che tutti -nessuno escluso- inquadrano la mostruosità di Anders Breivik come un atto folle.

E questa rimozione è, innanzitutto, funzionale a non percepire l’angoscia che un simile evento può dare, se si smette di considerarlo solo per le sue implicazioni politiche e lo si considera come atto umano.

Poi, c’è da ipotizzare se anche questa rimozione non faccia parte di ciò che genera tali follie.

E la personale lettura di questa vicenda è proprio questa: la gente ha paura di approfondire una chiave di lettura psicologica di un evento del genere, perché non vuole andare a scoprire quello che già sa essere alla base.

Non è la prima volta che mostri simili a Anders Breivik emergono dagli abissi dell’anonimato e di società in qualche modo perfette e organizzate.

I precedenti sono negli USA, ovviamente, ma anche in Francia e in altri paesi.

La lettura che qui vogliamo dare della strage compiuta da Anders Breivik -come delle altre- è una lettura classicamente legata alla psicologia del profondo, soprattutto a quella di matrice junghiana.

Per quanto mi riguarda, ritengo che esplosioni simili di follia -che ormai non raramente balzano agli oneri della cronaca, vadano lette esattamente come Jung -beccandosi poi l’accusa, atroce e idiota insieme, di essere lui un “nazista”- lesse appunto il nazismo. Dottrina folle che lui inquadrò come l’esplodere degli aspetti negativi di un archetipo -quello di Wotan- che dormiva ignorato e misconosciuto nella coscienza germanica.

Stragi del genere, invece, evocano altre presenze archetipiche, di cui la nostra cultura ha rimosso in gran parte segni e presenze.

Uno di questi temi archetipici è quello dell’Eroe, che agisce isolatamente e contro la massa, per affermare la propria individulità.

Nella nostra cultura il tema dell’Eroe è ormai un tema negativo, e tutti gli eroi hanno ormai, invece, caratteristiche di anti-eroi.

Non devono combattere veramente, non con rabbia e ardore, devono essere animati da mitezza e ragionevolezza, mostrarsi tolleranti, “soft”, e morbidi.

Devono essere eroi “rosa” e al femminile, insomma, e non rossi e virili.

Eroi per i quali non è più un valore scagliarsi contro qualcosa e per qualcuno, o qualcosa, e soprattutto contro stereotipi e banalità del pensiero comune.

Questo è un mondo nel quale è obbligatorio essere tutti corretti, credere tutti negli stessi valori di fondo (sostanzialmente areligiosi) e, soprattutto, esser tutti “politically correct”.

Non esistono più la diversità, la specificità, l’identità: che trovano un loro esistere solo nel possesso di oggetti e status.

Tutto questo, prima o poi, genera mostri, a mio avviso. Genera Eroi Perversi e spaventosi.

L’altro tema archetipico ignorato dalla nostra cultura è il Padre.

Il Padre è scomparso, dalla nostra società, ed è relegato fra gli oggetti inutili.

Non è un caso che il tragico Anders Breivik fosse un fondamentalista “cristiano” (a suo modo di vedere), e che vestisse i panni di chi opera per conto del “Padre”, e in divisa, contro l’invasione della moltitudine perversa.

E non è nemmeno un caso che Anders Breivik sia nato in Norvegia, vale a dire in una delle più grandi perfette e ricche socialdemocrazie nordiche, nelle quali uno stato-madre pensa a tutto, e fin dalla nascita ti garantisce da ogni ansia e preoccupazione. Al punto che, fatto emblematico, uno non deve nemmeno preoccuparsi se, ammazzando un centinaio di persone, finisce in galera. Non rischia nemmeno trenta anni di galera.

E non è nemmeno un caso -nella mia lettura, che so potrebbe scandalizzare molti, e rendermi oggetto di accuse assurde (la prima delle quali, in questi casi, è che si è d’accordo con l’operato del mostro!) che non è nemmeno un caso, ripeto, che Anders Breivik non avesse mai vissuto con il proprio padre, il quale ha divorziato dalla madre del mostro appena questi è nato.

E, soprattutto, che Anders Breivik ed il padre non hanno mai vissuto insieme, e hanno avuto solo qualche contatto quando lui era bambino. Ma fino al 1995.

I fatherless, si sa, sono in cima alle statistiche per eventi criminali, oltre che per problemi psichiatrici e per disagi psichici. E in Norvegia, paese di pescatori che stanno lontani dalle famiglie per mesi e mesi, i padri da sempre hanno poca presenza (e nessuna incisività) nella vita dei figli (a cui, sembra, le madri possono cambiare il cognome, attribuendo loro quello del nuovo compagno).

A mio avviso, tutto questo porta a concludere -o almeno ad ipotizzare- che in questo momento siamo in presenza di un potenziale archetipico distruttivo spaventoso, perché la nostra cultura ha rimosso temi e presenze fondamentali: il Padre, l’Eroe, il bisogno di autonomia, indipendenza, differenza.

Il folle manifesto di Breivik, quello di milleettante pagine messe online, è, di fatto (e sarebbe un errore non accorgersene, come è una follia non accorgersene anche in casi simili), tutto un inno -patologico e deviato- alla difesa dell’identità, della differenza, della patriarcalità. Un inno accompagnato, nella vita quotidiana -e non è certo un caso- dalle note dionisiache e maniacali che legano le ossessioni di un folle ai suoi desideri di baccanali con prostitute e vini rossi, come appunto ha lasciato scritto nelle sue milleettante pagine online.

Pagine che grondano follie, ma follie imperniate su un solo punto: la difesa della identità e della diversità, e delle dimensioni di fede ed eroismi.

E’ terribilmente imperativo chiedersi perché tutto questo sta risorgendo in forme così drastiche, paranoidi, omicidiarie.

Perché in quelle pagine -come nelle pagine dei gruppi e gruppetti che predicano e sbandierano idee simili (“idee condivisibili”, ha detto un parlamentare italiano: si spera distinguendo le idee dalla modalità di propagarle)- vi è tutto un dispiegarsi patologico e straripante, insomma, di temi che la nostra cultura e la nostra società, ha tragicamente rimosso da decenni, soffocandoli nelle nuvole rosa del politically correct, del dover essere, degli stereotipi di valori appiattiti su tutti.

Se non mi sbaglio, ci saranno altri ultra-integralisti votati al Padre e all’Eroe, al Dionisiaco e all’intransigenza sanguinaria, vissuti senza Padri e senza eroi, che tenteranno altre stragi.

Dal mio punto di vista, questo ha già una sua pericolosa dimostrazione nell’espandersi di gruppi di “credenti” pagani e legati all’ultradestra e alle ideologie razziste.

Nel mondo del politically correct ad oltranza, mi aspetto dunque che questa mia lettura venga accusata, quanto meno di essere stupida e cieca, perché non conforme alle evidenze sociologiche e politiche prospettate dai più.

In un mondo dominato dallo stereotipo e dalla omologazione al “rosa”, al corretto, al soffice e maternamente infantile, il rischio terribile è che risorgano Dei ed Eroi Perversi.

G. Giordano

Per le statistiche del “fatherless”, vedi qui sotto

» Read more

Quando all’amore si sostituisce il cinismo di tutto e di tutti.
Il “grido” di Krzysztof Kieślowski.

 

 

« Sono sempre restìo a sottolineare una caratteristica specifica del lavoro di un grande regista, perché ciò tende inevitabilmente a semplificarne e sminuirne il lavoro. Ma riguardo a questa sceneggiatura (Decalogo N.d.R.), di Krzysztof Kieślowski e del suo coautore, Krzysztof Piesiewicz, non dovrebbe essere fuori luogo osservare che essi hanno la rarissima capacità di drammatizzare le loro idee piuttosto che raccontarle solamente. Esemplificando i concetti attraverso l’azione drammatica della storia essi acquisiscono il potere aggiuntivo di permettere al pubblico di scoprire quello che sta realmente accadendo piuttosto che semplicemente raccontarglielo. Lo fanno con tale abbagliante abilità, che non riesci a percepire il sopraggiungere dei concetti narrativi e a materializzarli prima che questi non abbiano già raggiunto da tempo il profondo del tuo cuore. » [Stanley Kubrick]

 

 

LA TRAMA – Trois couleurs: Blanc

La storia si svolge inizialmente a Parigi, successivamente l’azione si sposta in Polonia, patria del protagonista Karol Karol. Costui, esperto parrucchiere, aveva conosciuto e sposato una bellissima donna francese, Dominique. Il matrimonio, tuttavia, dopo sei mesi è già fallito in quanto Karol risulterà essere impotente sessualmente. Il tribunale infatti decreta la separazione di Karol e Dominique adducendo come motivazione proprio la mancata consumazione del rapporto coniugale. Karol cerca disperatamente di opporsi: è realmente innamorato della moglie, e chiede al giudice, vanamente, un po’ di tempo, per riconquistare Dominique. “Dov’è qui l’uguaglianza?” domanda Karol al giudice, il quale sembra non dare ascolto ai suoi argomenti, espressi nel francese stentato proprio di un immigrato polacco. Addirittura prima di allontanarsi per sempre dalla casa in cui ha vissuto con la bellissima Dominique, Karol tenta un ultimo disperato approccio sessuale con la moglie, ma anche questo risulterà vano.

A questo punto la separazione è formalizzata e Karol si ritrova a vagare per le vie di Parigi, senza più né casa, né soldi, con la sola compagnia di una valigia, vuota, nella quale la moglie gli ha lasciato solo i suoi attestati di parrucchiere, e gli strumenti del mestiere: un pettine e una forbice. Incredibilmente, sarà proprio quella valigia, per Karol, la fonte di una nuova vita, e l’opportunità, per rivendicare l’uguaglianza, tradita dalla moglie e dal giudice.

Infatti, la sera stessa, Karol si ritrova nella metropolitana di Parigi, dove conosce, mendicando, un altro uomo polacco, Mikolaj. È con quest’ultimo che Karol dovrà scoprire la più amara verità: Dominique ha un altro uomo. Le voci, i sospiri, uditi al telefono, rendono la scoperta inequivocabile. Karol e Mikolaj restano insieme, nella stazione deserta; entrambi troveranno l’uno nell’altro la propria possibilità di riscatto. Mikolaj chiede a Karol un favore: c’è un uomo, in Polonia, che deve morire. Non può uccidersi, ma pagherà molto bene un estraneo, disposto a farlo. In cambio, Mikolaj aiuterà Karol a ritornare in patria, nascosto dentro l’enorme valigia, unico lascito dell’esperienza francese.

Il viaggio si rivela per Karol più pericoloso del previsto: giunta in Polonia, la valigia, entro cui viaggia, è rubata e portata via alla consegna dei bagagli dell’aeroporto, e solo dopo aver corso un grande pericolo, Karol riesce ad arrivare alla sua meta, cioè la casa del fratello Jurek, a Varsavia, dove riprende a lavorare come parrucchiere, nel negozio di lui.

Rapidamente Karol riesce a mettere da parte un po’ di soldi, ma per il suo progetto questo non basta; ripreso contatto con Mikolaj, si accorda quindi per uccidere quell’uomo, di cui i due avevano parlato nella metropolitana di Parigi. Con stupore di Karol, quell’uomo si rivelerà essere proprio l’amico: Karol gli spara, come da accordi, ma la pistola è caricata a salve e Mikolaj, scampato alla morte, ritrova la forza per continuare a vivere e abbandonare il suo progetto. Karol riceverà ugualmente il suo compenso, e soprattutto, da questo momento in poi, i due diventeranno fidati amici e collaboratori. Karol infatti, con i soldi messi da parte e con altri, guadagnati mediante alcune speculazioni immobiliari, può fondare finalmente una sua impresa, che in breve tempo gli permette di accumulare un’enorme fortuna. È a questo punto che Karol può finalmente rivendicare l’uguaglianza perduta, riscattandosi dall’ingiustizia patita dalla moglie Dominique e dal tribunale francese. Il piano è questo: Karol organizzerà, con l’aiuto di Mikolaj, la propria morte, facendo ritrovare un cadavere dai lineamenti irriconoscibili e gettando la colpa sulla moglie Dominique, che nel frattempo sarà giunta dalla Francia attratta dall’espediente dell’enorme fortuna lasciata, in eredità, dall’ex-marito. In questo modo Dominique sarà arrestata per omicidio, e Karol si ritroverà all’estero, per iniziare una nuova vita dopo aver cambiato, nuovamente, identità.

Il piano va perfettamente in porto: inscenato il funerale, Dominique assiste al rito funebre del marito il quale, prima della sua fuga definitiva, per vendicarsi ancor più pesantemente di Dominique si fa trovare nel letto della camera dell’albergo dove la moglie alloggiava e finalmente riesce a fare l’amore con lei. Il rapporto sessuale è estremamente soddisfacente per Dominique, ed è proprio questo il dramma della vendetta di Karol, in quanto se da un lato l’aver soddisfatto finalmente la moglie prima che questa venga arrestata per omicidio, funge da coronamento alla vendetta di Karol, dall’altro lato permette a Dominique di capire di essere innamorata dell’ex marito deciso ormai solo a vendicarsi. Il regista sembra quindi suggerirci che il sesso e il denaro sono gli inevitabili corollari del successo, e sono infatti il successo economico e la ritrovata virilità che per Karol assumono i connotati dell’uguaglianza perduta.

La conclusione del film è intensa e drammatica, quasi a certificare la sconfitta morale di entrambi i protagonisti: Karol si reca nel carcere, dove è detenuta la moglie, e osserva, da lontano, la finestra dove ella sembra affacciarsi. Dominique fa un gesto, come a riportare al dito l’anello – il matrimonio – rinnegato. E Karol, irrimediabilmente separato – stavolta per sua scelta – dalla moglie, finalmente piange. E forse solo adesso si rende conto del male che ha fatto non solo alla sua ex moglie, ma anche a se stesso.

La scena finale viene in parte svelata da Julie Delpy in un’intervista, presente tra gli extra del DVD, in cui afferma che il significato di ciò che viene da lei comunicato con il linguaggio dei segni è “Quando uscirò dal carcere, tu ed io partiremo assieme, sì? Oppure resteremo qui, insieme, e ci risposeremo”.

 

Fingere amore per difendersi.
E’ una pandemia e fa star male.

Essere anaffettivi significa essere incapaci di provare e esprimere affetti, sentimenti ed emozioni, come se dentro ci fosse un grande freddo. L’anaffettività porta a trascurare gli investimenti relazionali ed emotivi, sollecitando ad altre priorità.

E’ un meccanismo tipico da evitamento per cui chi si trova a metterlo in atto si guarda bene dall’accettare questa definizione fortemente riduttiva della propria personalita’ ed è solito cercare di giustificare la propria scelta in mille modi possibili.

In verità l’incapacità di amare e di poter esprimere liberamente sentimenti ed emozioni comporta un disagio fortissimo.

Può spingere a moltiplicare l’investimento sul lavoro, a dare particolare importanza agli aspetti materiali e narcisistici dell’esistenza, a puntare su una “regolarità” che gli altri apprezzano, che sembra promettere un piacere per le “cose” e per l'”immagine”: un piacere illusorio che può ridurre la capacità di godere del sé, delle relazioni e della vita e la capacità di sviluppare sentimenti salutari e appaganti.

Nella maggior parte dei casi l’anaffettività non impedisce alle persone di riuscire nella propria vita, in quella familiare, di coppia o lavorativa ma ciò avviene sempre al prezzo di una grande freddezza emotiva.

È un modo di difendersi da esperienze dolorose vissute nella prima infanzia: sono infatti situazioni traumatiche, di abbandono, di non amore a generare tale freddezza e il ripiegamento emotivo.

Pur di non soffrire più ci si organizza attraverso il distacco emotivo difensivo: per queste persone, ogni volta che l’amore le sfiora, l’angoscia dell’abbandono le pervade e, inconsapevolmente si difendono “congelandosi, anestetizzandosi”.

Chi ha già subito il danno delle carenze affettive a sua volta lo trasmette: è l’epidemia dell’anaffettività. Si può parlare, infatti, di un ciclo di trasmissione intergenerazionale dell’anaffettività e dell’insensibilità.